~ FORUM DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI EROI ~
« Il linguaggio è un labirinto di strade, vieni da una parte e ti sai orientare, giungi allo stesso punto da un'altra parte e non ti raccapezzi più... » Wittgenstein

Menu di navigazione

Salve! Oggi è Mercoledì 20 Settembre 2017 e sono le ore 18 e 34 minuti.

Inserisci qui sotto il tuo Username e la tua Password
Username:
Password:

Recupera la tua Password
Dopo l'hackeraggio del sito siamo stati costretti a resettare tutte le password per evitare un utilizzo improprio del vostro username. Per ottenere la nuova password, inserisci qui sotto il tuo nick name: ti verrà inviata una email contenente la nuova password. Nel caso l'email che hai indicato nella registrazione non fosse corretta ti preghiamo di effettuare una nuova registrazione.
User:



L’esortazione dell’Oracolo di Delfi, "conosci te stesso”, voleva dire: "sappi che sei un uomo e non un Dio". Essa vale anche per gli uomini dell’età della scienza, perché li mette in guardia contro ogni illusione di potenza e di dominio. Solo la conoscenza di sé permette di salvaguardare la libertà, la quale viene minacciata non soltanto da colui che di volta in volta detiene il potere, ma più ancora dalla suggestione a quelle forze che crediamo di dominare. (HANS GEORG GADAMER)



CHATBOX Registrati o Autenticati per poter scrivere


I CENTO TALLERI - la collana filosofica ufficiale di Filosofico.net e Portalefilosofia.com - Acquista, SOSTIENICI!
Filosofia e speranza. Ernst Bloch e Karl Löwith interpreti di Marx

Uno dei maggiori problemi irrisolti che Karl Marx ha lasciato in eredità ai suoi interpreti riguarda la legittimità della speranza in sede pratica e teoretica, tanto nella cornice del suo pensiero quanto nel più ampio orizzonte della filosofia. L’intera opera marxiana sembra enigmaticamente in bilico tra le opposte dimensioni della scienza e della speranza. La linea interpretativa adottata da Ernst Bloch e da Karl Löwith scorge in Marx il filosofo della speranza più che della scienza, riconoscendo nella sua riflessione un’ineludibile tensione utopica rispetto alla quale la scienza sarebbe un fenomeno secondario e funzionale.
--» vai ai dettagli

Prezzo: 10 euro (spedizione gratis)
“I Cento talleri” è una collana che si propone di riscoprire i testi filosofici dimenticati, riproponendoli in maniera fedele, senza corrompere la loro integrità e, pertanto, restituendo la voce ai filosofi e alla loro critica spietata delle storture dell’esistente: ed è in vista di questo difficile e ambizioso obiettivo, che la nostra collana vuole riscoprire i pensatori, i temi, le linee di pensiero più celati e “scomodi”, quelli di cui il nostro tempo vorrebbe essersi definitivamente sbarazzato perché portatori di verità “altre”, perché in perenne alterco con lo status quo, perché non disposti a scendere a patti col mondo. In particolare, ci proponiamo la riscoperta di quel “filone minoritario” della nostra tradizione culturale che corre parallelo al filone principale (metafisico e pacificante, dogmatico e contemplante verità già date) e che ad esso è stato fino ad oggi indebitamente subordinato.

Acquistando uno o più volumi darai nuova linfa al nostro progetto. Aiutaci a portarlo avanti, acquista un libro - e non esitare a proporci possibili pubblicazioni, I Cento Talleri sono un progetto dinamico, aperto a nuovi collaboratori.